Attentato al sindaco di Licata. Legambiente: la politica che sostiene illusioni di condono edilizio concorre ad alimentare le violenze

sindacolicata_656_ori_crop_master__0x0_512x384

“Siamo vicini al sindaco Angelo Cambiano per il vile attentato di ieri sera e per il grave isolamento che sta subendo. Ben venga la solidarietà annunciata per oggi dai sindaci della provincia di Agrigento e la visita del Ministro Alfano. Ma se davvero si vuole dimostrare di stare dalla parte della legalità, serve una forte e inequivocabile assunzione di responsabilità da parte della politica locale, regionale e nazionale, che ogni giorno nutrono invece le vane speranze degli abusivi con falsi alibi per non demolire o con assurde ipotesi di condono edilizio”. […]

Abusivismo a Licata. Barricate contro le ruspe e minacce alla ditta incaricata delle demolizioni

141035040-43482228-1171-4533-9670-f8c24d92f938

Hanno fermato le ruspe con le barricate. E, non soddisfatti, hanno minacciato gli operai della ditta di demolizioni, che ha fatto dietrofront. Così a Licata, in provincia di Agrigento, gli abusivi della frazione marina di Torre di Gaffe hanno manifestato il loro dissenso verso le operazioni di demolizione in corso sul territorio: una prima tranche di 15 immobili illegali da abbattere definita dall’accordo della Procura della Repubblica e il Comune, guidato dal sindaco Angelo Cambiano.  

Referendum 17 aprile: un SI per fermare le trivelle

12814737_1103604823004958_9184701247750837967_n

E’ in pieno corso la campagna per promuovere il referendum  che si terrà il 17 aprile contro le estrazioni petrolifere in mare promosso da nove regioni e sostenuto da centinaia di associazioni nazionali, Comuni, personalità del mondo della cultura e dello spettacolo. Il tempo delle fonti fossili è scaduto, il 17 aprile VOTIAMO SI’ perché il Paese ha bisogno di energia pulita e rinnovabile! Questo l’appello dei sostenitori, che si trovano a dover contrastare il recente contro-appello del Partito Democratico che invita a boicottare le urne per far fallire il quorum. I referendari […]

Muos. La Cassazione conferma il sequestro del sistema satellitare USA

Nomuos

“Da anni lo diciamo: il Muos è abusivo, è stato costruito in un’area protetta, la Sughereta, con vincolo di inedificabilità assoluta. La Cassazione ha, finalmente, messo un punto fermo. Ancora una volta, però, resta forte l’amarezza di una politica inadeguata e miope che non riesce a salvaguardare né la salute dei siciliani né il suo territorio”. Così Gianfranco Zanna, presidente di Legambiente Sicilia, commenta il rigetto da parte della Corte di cassazione del ricorso dell’Avvocatura dello Stato sul sequestro del Muos. Resta dunque sotto sequestro l’impianto di comunicazioni satellitare militare americano, […]

Trivelle. La Corte Costituzionale dice SI al referendum. Soddisfazione degli ambientalisti

ref

“La Sentenza della Corte Costituzionale, che ha confermato il referendum sulle trivelle sul quesito già “promosso” dalle Corte di Cassazione, ci dà lo spunto per rilanciare richieste chiare al Governo: rigetto immediato e definitivo di tutti i procedimenti ancora pendenti nell’area di interdizione delle 12 miglia dalla costa (a cominciare da Ombrina) e una moratoria di tutte le attività di trivellazione a mare e a terra, sino a quando non sarà definito un Piano energetico nazionale volto alla protezione del clima e rispettoso dei territori e dei mari italiani”. Con […]

Fine di un ecomostro a picco sul mare. Dopo 40 anni, demoliti gli ultimi scheletri nel Parco nazionale del Circeo

SanFeliceCirceo11

Affonda le radici negli anni ’70 la storia della lottizzazione abusiva di Quarto Caldo, promontorio a picco sul mare nel comune di San Felice Circeo, in piena area protetta dell’unico vero Parco Nazionale del Lazio (se si eccettuano territori marginali di altri parchi nazionali), quello del Circeo. Ed è la storia di una sventola da quasi 3 ettari per una capacità edificatoria vicino ai 100mila metri cubi in una zona di grande pregio naturalistico, bloccata dall’amministrazione che annullò le concessioni edilizie alla società Malora III. Undici anni dopo i quattro edifici […]

Il futuro delle città viaggia a 30 km/h. A Palermo arriva MobyDixit

Mobydixit

A Palermo arriva MobyDixit, una kermesse di tre giorni, dal 15 al 17 ottobre ai Cantieri Culturali della Zisa, per fare il punto sulla mobilità nuova, in Europa, in Italia e soprattutto a Palermo. Tra i temi al centro del confronto, il limite di velocità a 30 km/h nei centri abitati. Una rivoluzione che ha già cambiato (in meglio) la vivibilità di molte città europee.