Attentato al sindaco di Licata. Legambiente: la politica che sostiene illusioni di condono edilizio concorre ad alimentare le violenze

sindacolicata_656_ori_crop_master__0x0_512x384

“Siamo vicini al sindaco Angelo Cambiano per il vile attentato di ieri sera e per il grave isolamento che sta subendo. Ben venga la solidarietà annunciata per oggi dai sindaci della provincia di Agrigento e la visita del Ministro Alfano. Ma se davvero si vuole dimostrare di stare dalla parte della legalità, serve una forte e inequivocabile assunzione di responsabilità da parte della politica locale, regionale e nazionale, che ogni giorno nutrono invece le vane speranze degli abusivi con falsi alibi per non demolire o con assurde ipotesi di condono edilizio”. […]

Abusivismo a Licata. Barricate contro le ruspe e minacce alla ditta incaricata delle demolizioni

141035040-43482228-1171-4533-9670-f8c24d92f938

Hanno fermato le ruspe con le barricate. E, non soddisfatti, hanno minacciato gli operai della ditta di demolizioni, che ha fatto dietrofront. Così a Licata, in provincia di Agrigento, gli abusivi della frazione marina di Torre di Gaffe hanno manifestato il loro dissenso verso le operazioni di demolizione in corso sul territorio: una prima tranche di 15 immobili illegali da abbattere definita dall’accordo della Procura della Repubblica e il Comune, guidato dal sindaco Angelo Cambiano.  

Muos. La Cassazione conferma il sequestro del sistema satellitare USA

Nomuos

“Da anni lo diciamo: il Muos è abusivo, è stato costruito in un’area protetta, la Sughereta, con vincolo di inedificabilità assoluta. La Cassazione ha, finalmente, messo un punto fermo. Ancora una volta, però, resta forte l’amarezza di una politica inadeguata e miope che non riesce a salvaguardare né la salute dei siciliani né il suo territorio”. Così Gianfranco Zanna, presidente di Legambiente Sicilia, commenta il rigetto da parte della Corte di cassazione del ricorso dell’Avvocatura dello Stato sul sequestro del Muos. Resta dunque sotto sequestro l’impianto di comunicazioni satellitare militare americano, […]

Fine di un ecomostro a picco sul mare. Dopo 40 anni, demoliti gli ultimi scheletri nel Parco nazionale del Circeo

SanFeliceCirceo11

Affonda le radici negli anni ’70 la storia della lottizzazione abusiva di Quarto Caldo, promontorio a picco sul mare nel comune di San Felice Circeo, in piena area protetta dell’unico vero Parco Nazionale del Lazio (se si eccettuano territori marginali di altri parchi nazionali), quello del Circeo. Ed è la storia di una sventola da quasi 3 ettari per una capacità edificatoria vicino ai 100mila metri cubi in una zona di grande pregio naturalistico, bloccata dall’amministrazione che annullò le concessioni edilizie alla società Malora III. Undici anni dopo i quattro edifici […]

Presentato a Roma Ecomafia 2015. La Sicilia al 2° posto per numero di ecoreati

CIvYb26WcAApvmR

Il 2014 si è chiuso con un bilancio davvero pesante: 29.293 reati accertati, circa 80 al giorno, poco meno di 4 ogni ora, per un fatturato criminale che è cresciuto di 7 miliardi raggiungendo la ragguardevole cifra di 22 miliardi, cui ha contribuito in maniera eclatante il settore dell’agroalimentare, con un fatturato che ha superato i 4,3 miliardi di euro. E’ questa l’istantanea di Legambiente sulla criminalità ambientale nel nostro Paese. 

Operazione spiagge e fondali puliti. Da Marsala a Portopalo di Capo Passero, siciliani in azione

Marsala

Bottiglie di plastica, mozziconi, sacchetti e tappi. Ma anche materassi, divani, copertoni, frigoriferi e televisori rotti. È questo il bottino raccolto dai volontari che, con i circoli di Legambiente, hanno dedicato un fine settimana alla pulizia dei litorali e delle sponde dei fiumi in occasione della campagna nazionale Spiagge e fondali puliti 2015. Un bell’esempio di volontariato ambientale che unisce alla lotta concreta al degrado il coinvolgimento dei cittadini, in particolare dei più piccoli, nella cura del proprio territorio. Ecco una carrellata fotografica delle iniziative più significative che si sono […]

Con il voto del Senato, gli ecoreati sono nel codice penale

11334000_951514524880656_6488567326954522997_o

Dopo una lunga maratona parlamentare, innumerevoli tentativi di affossare il provvedimento e la forte contrarietà di Confindustria, il 19 maggio alle 19.50 il Senato della Repubblica ha votato il disegno di legge che introduce  i crimini contro l’ambiente nel codice penale.  Una “riforma di civiltà” attesa da due decenni, arrivata infine con una legge di iniziativa parlamentare firmata M5s, Pd e Sel.

Concessioni demaniali. Crocetta, dov’è finita la stella polare della legalità?

Stitched Panorama

L’atteggiamento del presidente Crocetta sulla questione demanio marittimo ci appare incomprensibile. Che sia scarsamente informato sul caos e l’illegalità che hanno caratterizzato l’uso del demanio in questi anni? Qualora fosse così, proviamo a fare un esempio per chiarirgli come stanno le cose. Nel 2014 abbiamo denunciato alcuni casi, ma per tutti ne ricordiamo uno: lo stabilimento balneare posizionato su un’alta scogliera dalla quale il mare è inaccessibile perché vi insiste un divieto di balneazione per rischio crolli, nei pressi di Terrasini. Ovviamente si tratta di un ristorante sotto mentite spoglie […]